Ma dove sono i programmatori?

Stiamo cercando un paio di programmatori (in ambiente Java e .NET) da inserire nell’organico della nostra sede di Padova. E fin qua non c’è niente di strano. Lo strano è che abbiamo ricevuto un mucchio di curriculum di persone che vogliono fare i project manager, gli analisti o altre mansioni del genere. Invece le persone che vogliono fare i programmatori sono ben poche.

Ma è tanto brutto programmare?

Mi domando cosa succederebbe se cercassi un sistemista.

9 comments
  1. Ciro said:

    Beh, se la paga fosse buona ne troveresti almeno uno, me😛 .

    • Max said:

      La paga è commisurata alla bravura e all’efficienza!🙂

  2. Daniele said:

    No, è che solitamente è sottopagato.🙂
    E si becca la maggior parte delle colpe, che spesso sono di analisi fatte da PM incompetenti😉

  3. Max said:

    Il commento meriterebbe una risposta molto molto articolata ma il tempo non c’è.

    In generale tutto il personale IT in Italia è sottopagato. Penso che le cause principali siano due: chi compra spesso non è in grado di valutare cosa compra; chi vende in realtà svende. Questo ultimo aspetto costringe anche chi possiede elevata professionalità ad abbassare i prezzi (e a pagare stipendi mediamente bassi) per rimanere sul mercato. Del resto basta guardare lo stipendio medio degli operatori e il fatturato delle aziende per rendersi conto. Io noto molto queste differenze in base alle categorie di aziende clienti. E’ il mercato, purtroppo.

    Che ci siano PM incompetenti è evidente ma anche qui spesso è il cliente che non vuole pagare un lavoro ben fatto. O meglio si fa irretire da tariffe basse e quindi anche chi sa è costretto a lavorare male.

    Ma non dimentichiamo che ci sono anche tanti (e dico tanti) programmatori incompetenti.

  4. Se consideri che in Italia il personale tecnico IT frutta all’azienda *in media* non + di 100000 euro l’anno è difficile tenere stipendi molto buoni. Però è anche vero che sono poche le aziende che hanno il coraggio di mettere in vetrina, assieme all’annuncio, anche la RAL che intendono offrire e/o benefit: per la serie “Il buongiorno si vede dal mattino”🙂

    • Ciro said:

      Scusa ma mi spieghi da dove salta fuori questa cifra? Altro che 100000 euro all’anno, se nell’azienda per la quale faccio da consulente si ferma il server di posta elettronica per anche soltanto una mezza giornata con quella cifra ci copri a stento i danni… La verità è che il reparto IT in quasi tutte le aziende italiane viene visto soltanto come un centro di costo a cui tagliare continuamente i fondi per risparmiare e non come uno dei punti nevralgici del business come è in realtà, quindi investimenti zero, sopratutto a lungo termine, l’importante è che funzioni tutto anche se rattoppato di continuo.

      • Daniele said:

        Un mio collega una volta ha detto “se si lamentano tanto – riferendosi a chi ci vede solo come un costo – basta ricordar loro che con carta e penna si lavora benissimo lo stesso”.😉

      • Max said:

        Il ragionamento di Romeo penso si rifaccia al fatto che 100000 sono i soldi lordi che l’azienda deve prendere dal lavoro del collaboratore. Metà se ne va allo stato e molti altri per altri costi (formazione, struttura, ecc.). Non ne rimangono molti per il collaboratore.

        Confermo anche che impera la filosofia del rattoppo.

  5. romeopruno said:

    Quoto la spiegazione di Max e lo ringrazio. Riguardo al rattoppo c’è da sottolineare che il management IT italiano nasce abbastanza di recente e non è certo il frutto di meritocrazia ma di *parentelismo*: almeno questo è ciò che mi hanno sempre raccontato colleghi e/o partner più anziani, considerate che non ho memoria storica in questo caso specifico.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: