On premise or in the cloud?

Le piattaforme applicative “enterprise” per il cloud computing cominciano a diventare qualcosa di concreto. Aspettando il lancio di Windows Azure o dell’equivalente IBM si comincia a dibattere sul fatto se sia meglio realizzare una applicazione per il cloud o una applicazione tradizionale (on premise come si usa dire).

Forse la risposta è che non c’è differenza: leggete qua e qua.

Detto questo aspettiamo PDC 2009 e IMPACT 2009 per saperne di più. Nel frattempo io continuo i miei esperimenti in proposito.

2 comments
  1. Bravo, bravo pure io.

    Dobbiamo organizzare un meeting per capire dove finiremo🙂

    Ho letto tutti gli annunci di VMWare relativamente alle loro varie iniziative vCloud, vApps, vEverything …

    Se uno stacca un attimo e le rivede nel quadro generale … sembra di vedere qualcosa di nuovo.. Il mainframe🙂 Dove le applicazioni scritte ad hoc partecipano alla gestione ottimale dei workload in un ambiente condiviso e regolato da SLA.

    W l’innovazione🙂 (O la riscoperta dell’acqua calda)

  2. Max said:

    Daniele, dovrei farti un “indottrinamento” su Microsoft.😉 Ne saresti molto colpito.

    Queste piattaforme cloud stavolta non somigliano (troppo) al mainframe. La distribuzione delle risorse le rende molto diverse. E anche il modello commerciale è molto diverso.

    Invece la gestione dei workload si fa anche con un “semplice” Windows 2008 (con o senza Hyper-V). Il tutto basandosi su regole.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: