Ubiquità dell’accesso

Oggi ci stavamo dirigendo presso una delle sedi di un’azienda ma la mappa del navigatore TomTom non aveva la via dove era ubicata. Allora mi sono ricordato che avevo caricato sul mio Moto 9Qh la versione per Windows Mobile di Live Search per provarlo. Dopo aver consultato il luogo dell’appuntamento definito nella mia agenda sincronizzata (via UMTS) con il server aziendale, ho lanciato l’applicazione, ho cercato l’azienda, ho selezionato la sede che m’interessava, ho visualizzato la posizione nella mappa, ho cercato una via vicina e ho puntato il navigatore su quella via. Siamo anche arrivati in anticipo. Durante il colloquio ho collegato il mio portatile (con Vista) alla rete del cliente ho effettuato l’accesso ad una serie di risorse sulla nostra rete aziendale per illustrare con esempi pratici alcuni punti relativi alla discussione. Già che c’ero ho anche sincronizzato la posta.

Sono decine di anni che faccio questo lavoro e moltissimi anni che lavoro con la connettività mobile. Però, nonostante tutto, quando faccio mente locale, riesco ancora a stupirmi del livello di pervasività che si è raggiunto.

Il confine tra azienda, servizi interni, servizi esterni, impiegati ed utenti esterni è assolutamente sfumato. L’azienda oramai è sparsa. Prossimamente nella prima metà di giugno con Microsoft terremo una round table sull’azienda sparsa a Padova. Durante questa round table illustreremo alcuni esempi veri di soluzioni realizzate per delle aziende sparse. Alcune soluzioni utilizzano smartphone ma altre, architetturalmente più ampie, utilizzano sincronizzazione di dati o  protocolli di accesso di diverso tipo. Il tutto verrà presentato in modo molto pratico orientato al problema che si desiderava indirizzare. Un piccolo posto lo merita anche Vista che ha delle tecnologie interessanti per chi si muove.

Il bello è che anche Santin e Associati è un’azienda sparsa e utilizza un discreto numero di queste tecnologie. In realtà, da un certo punto di vista, queste tecnologie possono essere paragonate a meccanismi per realizzare mashup. Questo concetto mi frulla in testa da diverso tempo e penso che meriti un approfondimento.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: