Check for update di qua, Check for update di là

Nella reinstallazione del mio PC ho controllato tutto ciò che viene lanciato e attivato a insaputa dell’utente.

Tralasciando cose come quei tool che accelerano il lancio di applicazioni (vedi Acrobat Reader) assolutamente inutili su Vista (sennò a cosa serve SuperFetch), la cosa che mi stupisce maggiormente è il numero di servizi o programmi di autoaggiornamento che vengono lanciati in background. Si tratta normalmente di programmi che, ad intervalli prefissati, si collegano ad un sito e verificano l’esistenza di aggiornamenti del software. Sul mio PC ho quello per Java, quelli per i driver della tastiera e del mouse, quello della webcam, quello per i tool Lenovo, ecc. ecc.

Mi chiedo perchè i programmatori non utilizzino il Task Scheduler di Windows. E’ fatto apposta!

3 comments
  1. Assolutamente daccordo… Tutti gli scheduler malefici mangiano risorse per nulla. (Forse pensano tutti, io posso farlo meglio).

    Ho fatto un veloce controllo (usando il comand schtasks.exe) e ho notato che sul mio pc l’unico task che lo impiega è l’update di Apple, almeno loro lo usano.

  2. Sfondi una porta aperta: la prima cosa da fare su un PC nuovo e’ eliminare insieme al resto del crapware tutti gli scheduler custom, purtroppo c’e’ troppa gente che programma senza porsi il problema di cosa fornisce la piattaforma come funzionalita’ base.

  3. Max said:

    Sono più d’accordo con l’idea di EnricoG: non conoscono la piattaforma di base!

    E per fortuna che non ho mai parlato di installatori software…😦

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: