A volte ritornano (utili)

Cosa hanno in comune con me il compasso, la squadra, i corsi di disegno tecnico, le proiezioni, la trigonometria, Geometria 1 e la mia calcolatrice programmabile preferita?

Hanno in comune il fatto che mi stanno tornando utili, nel bene e nel male, per due scopi: aiutare mia figlia in alcune attività scolastiche e disegnare controlli ed elementi WPF. Tralasciando l’attività più importante (cioè aiutare la figlia), devo dire che il conoscere questi strumenti aiuta molto nella creazione di controlli e componenti riutilizzabili in WPF. Ad esempio a tempo perso sto creando un menu che utilizza dei settori circolari traslati e ruotati: usare concetti di base di trigonometria è assai utile. La calcolatrice, che effettua calcolo matriciale e vettoriale anche simbolico, è molto apprezzabile durante la definizione di trasformazioni.

Serve tutto questo per sviluppare applicazioni WPF? La risposta è no! Utilizzare WPF è molto semplice ma aggiungere la matematica e il disegno tecnico aumenta le possibilità per il programmatore e il relativo divertimento.

E, se mi consentite la digressione, mi sta tornado utile anche la storia della letteratura inglese che ho studiato al liceo per apprezzare ancora di più il romanzo che sto leggendo in questi giorni: Il caso Jane Eyre di Jasper Fforde.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: