Vista e TPM

Alcuni dei critici di Vista sostengono che con questo sistema verrebbe introdotto sul mercato la piattaforma di trusted computing definita dal TCG (da non confondere con il DRM) e che noi semplici utilizzatori non saremmo più in grado di controllare e decidere cosa far girare sul proprio computer. Uno scenario apocalittico che porta ad una domanda: Vista supporta il TPM definito dal TCG? La risposta è sì e no.

In pratica un sistema trusted ha al suo interno un chip TPM. Questo chip fornisce funzioni in hardware adatte alla crittografia e alla firma digitale.

Vista è in grado di utilizzare il chip per crittare i dischi grazie alla funzionalità di sistema BitLocker. In questo modo un malintenzionato non può accedere ai dati del disco. Vista inoltre ha un servizio che espone delle API che mettono a disposizione del programmatore alcuni servizi. Quindi la risposta alla domanda è sì. 

Può Microsoft o un’altro produttore utilizzare questo servizio per controllare cosa può girare sul computer? Vediamo la situazione. Intanto un sistema trusted richiede un chip TPM e la maggior parte dei sistemi non ha chip TPM. Inoltre un sistema trusted richiede una infrastruttura nel sistema operativo che Vista non ha. Infine Vista implementa i servizi trusted solamente su due versioni: Enterprise e Ultimate. E in questi lo utilizza solo per la funzionalità di BitLocker. Quindi la risposta è no.

Aggiungo poi una semplice considerazione di mercato: quello che ha fatto grandi Microsoft, Intel e i loro sistemi PC è la incredibile apertura della piattaforma (progettata originariamente da IBM) con la possibilità di installare e utilizzare un enorme numero di prodotti software e hardware. Impedire questo per loro significa darsi la zappa sui piedi. E far passare gli utenti su altri sistemi alternativi (come un Linux senza il modulo TPM abilitato). Infatti se anche Microsoft impazzisse e pretendesse il controllo completo noi utilizzatori possiamo tranquillamente spostarci su una piattaforma alternativa (che emergerebbe anche se non ci fosse). Senza contare l’intervento delle varie authority antitrust.

Insomma dire che Microsoft può controllare cosa può girare su Vista è un po’ allarmistico. E forse propagandistico.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: